Vai al contenuto

Progetto Logos Giovani Adulti

  • 2 min read
Progetto Logos Giovani adulti

Il Progetto Logos Giovani Adulti si rivolge ai giovani che stanno sperimentando misure alternative e si propone di offrire loro un’opportunità tangibile per esplorare e sviluppare percorsi di crescita personale. Il progetto è costruito con l’obiettivo di abilitare la loro autonomia accompagnandoli nella definizione di un progetto di vita personale e professionale.

Progetto Logos Giovani adulti: il progetto

Il progetto offre un viaggio di formazione flessibile, in grado di rispondere alle differenze culturali, anagrafiche, personali. Il percorso è costruito su un’alternanza di formazione di gruppo in aula e esperienze di stage in aziende del territorio. Questo permette di entrare in contatto con la realtà produttiva, conoscere l’ambiente di lavoro e le sue regole, continuando ad esplorare i propri bisogni e la ricerca dell’ambiente professionale in cui esprimersi. 

Progetto Logos Giovani adulti: Circolo del Lavoro

Il Circolo del Lavoro è uno spazio ad accesso facilitato per il sostegno di persone in ricerca di lavoro. E’ un luogo dove la persona può ricevere servizi ed usufruire di ausili durante periodi di disoccupazione, un nodo strategico nelle reti di sostegno a persone a rischio di esclusione sociale e dal mercato del lavoro. E’ aperto ai progetti sostenuti dall’Ufficio Pio.

Progetto Logos Giovani adulti: LogosRap


È il risultato di un’attività svolta all’interno della formazione del Progetto Giovani Logos nel 2015. L’intero gruppo ha assemblato e musicato il pensiero di ogni singolo ragazzo e questo è stato il fulcro del lavoro, la rappresentazione critica del mondo filtrata dalle emozioni dei ragazzi. Lo stimolo a pensare, trascrivere un testo, arrangiarlo ed esibirlo non ha rappresentato solamente un momento di orgoglio, ma uno sfogo liberatorio di ansie, paure, speranze e condivisione. Una rabbia che fuoriesce da dentro ma che non ferisce, anzi, che riesce a trovare un interlocutore.
Il video è stato presentato all’interno del convegno nazionale sul carcere “Guardiamoci dentro” nel 25-26 febbraio 2015 della Compagnia di San Paolo.

Con il contributo dell’Ufficio Pio della Compagnia di San Paolo

Condividi questo articolo sui tuoi canali social o tramite Email!